Bookmark and Share
Il popolo dalle lunghe barbe
Pavia con la grande Mostra sui Longobardi in Italia
25/11/2017 - 26/11/2017

Itinerario culturale di 2 giorni, 1 pernottamento. In treno e pullman.
Roma – Milano - Pavia - Roma 

 

Pavia, sulla riva destra del Ticino, fu crocevia culturale e commerciale dell’Oltrepò . Fondata da liguri e celti, divenne capitale del Regno Longobardo nel VI secolo, mutando per sempre il destino proprio e della penisola italica. Tra le strade di ciottoli e le facciate color terracotta si nascondono le tracce di un passato artistico inestimabile, sospeso tra gotico lombardo, romanico e primo rinascimento.
E la grande retrospettiva al Castello Visconteo omaggia, per la prima volta in assoluto, lo splendore dell’antica capitale longobarda, perla semisconosciuta della Lombardia.

 

Le visite saranno curate dalla dott.ssa  Caterina Brazzi Castracane

 

PRENOTAZIONI ENTRO IL 2 OTTOBRE

1° GIORNO | SABATO 25 NOVEMBRE

Ore 8.30 Appuntamento dei partecipanti alla Stazione Termini, lato via Marsala 

Ore 9.00 Partenza con Frecciarossa 9614 per Milano Centrale 

Ore 11.59 Arrivo alla Stazione di Milano Centrale e trasferimento con pullman privato per Pavia 

Arrivo a Pavia, sistemazione dei bagagli e pranzo libero
Nel primo pomeriggio, visita guidata del centro storico.
A partire dal Ponte Coperto, collegamento porticato tra il centro cittadino e Borgo Ticino, il quartiere delle lavandaie oggi trasformato nella zona bohemien, visiteremo Il Duomo, dedicato a Santo Stefano e all’Assunta, il cui progetto originario è attribuito a Bramante e Leonardo; la Piazza della Vittoria, in origine Piazza Grande, sede del mercato cittadino e del Broletto, l’antico Palazzo del municipio fin dall’epoca medievale; la Basilica di San Michele, capolavoro dell’architettura romanica e luogo dove venne incoronato il Barbarossa, nel 1155. Compatibilmente con la disponibilità del sito, concluderemo il pomeriggio con una visita del teatro Fraschini, capolavoro architettonico del Galli di Bibiena con volta affrescata.
Rientro in albergo, cena e pernottamento.
Cena e pernottamento

2° GIORNO | DOMENICA 26 NOVEMBRE

Prima colazione e visita della Cripta di Sant’Eusebio
Cattedrale ariana al tempo del Re Rotari, fu dedicata a Sant’Eusebio nell’XI secolo. Sconsacrata a fine Ottocento, venne poi abbattuta per costruire il Palazzo delle Poste. Della sua grandezza ci resta la cripta, uno dei massimi esempi di architettura medievale locale. Costruita a oratorio, suddivisa in cinque navatelle con volte a crociera, mostra interessanti resti di affreschi duecenteschi e eclettici capitelli di reimpiego.
A seguire visita alla Mostra “Longobardi. Un popolo che cambia la storia” al Castello Visconteo.
La mostra, che parte da Pavia per poi raggiungere Napoli e San Pietroburgo, è il punto di arrivo di quindici anni di ricerche archeologiche ed epigrafiche, e si presenta come la più grande retrospettiva storica sui longobardi in Italia mai realizzata fino ad ora. Più di 300 opere esposte, tra gioielli e corredi funerari completi, provenienti da 32 centri longobardi sparsi sul territorio italiano, integrati da nuovi supporti multimediali dedicati alla riscoperta scientifica del passato.
Pranzo libero
Partenza per la Certosa di Pavia e visita guidata.
Costruito nel 1396 per volontà di Gian Galeazzo Visconti, il complesso certosino è ancor oggi emblema della grandezza e dello sfarzo dell’allora ducato di Milano. Criticato da Erasmo da Rotterdam proprio per l’enorme patrimonio artistico, fu invece grande fonte di ispirazione per Le Courbusier, che dopo averlo visitato, nel 1907, scriveva di aver trovato soluzione al problema dell’edilizia familiare. Costruita attorno a due chiostri, la Certosa è un imponente poliedro di edifici, interconnessi l’uno all’altro, decorati e affrescati da grandi maestranze locali dai primi del ‘400. Mirabile, su tutto, la facciata della Chiesa di Santa Maria delle Grazie, capolavoro di marmi bicromi scolpito con temi sacri e pagani.
Proseguimento per Milano

Ore 17.20 Partenza per Roma con treno Frecciarossa in posti riservati di 2° classe

Ore 20.40 Arrivo alla Stazione Termini