Bookmark and Share
L’alchimia del colore
La mostra sul Cinquecento a Firenze Ambrogio Lorenzetti a Siena
12/01/2018 - 14/01/2018

Itinerario culturale di 3 giorni, 2 pernottamenti. In treno e pullman
Roma – Firenze - Siena - Roma

 

“Fu Ambruogio pratico coloritore a fresco, e nel maneggiar a tempera i colori gl’adoperò con destrezza e facilità grande (…) Furono i costumi d’Ambruogio in tutte le parti lodevoli, e piuttosto di gentiluomo e di filosofo che di artefice”

Così Vasari presenta Ambrogio Lorenzetti, noto ai più per l’affresco del Buon Governo nel Palazzo Pubblico di Siena. La mostra, che si tiene nello storico Ospedale della Scala, lo rivela non solo come pittore espertissimo, ma anche come innovatore di iconografie, sia nei temi sacri che nell’invenzione di eccezionali brani di paesaggio.
A Firenze Palazzo Strozzi riapre le porte sulla Firenze granducale e presenta la schiera dei manieristi, pittori e scultori, che seguirono la traccia di Michelangelo, da Pontormo a Bronzino al Giambologna: autori di tele e sculture di figure smaniose e annodate, con colori che virano come impazziti dai toni caldi ai freddi e una tensione al raro e al prezioso che è la sigla propria del Manierismo toscano.
Due importanti appuntamenti espositivi, ispiratori di un viaggio che ci riporta a Siena dopo alcuni anni di assenza e, a Firenze, ci permette di visitare per la prima volta il Museo rinnovato dello Spedale degli Innocenti e il bellissimo Chiostro dello Scalzo affrescato da Andrea del Sarto. 

 

Le visite saranno curate dalla dott.ssa  Maria Clara Bartocci 

 

PRENOTAZIONI ENTRO IL 12 DICEMBRE

1° GIORNO | VENERDI’ 12 GENNAIO

Ore 7.50 Appuntamento dei partecipanti alla Stazione Termini ingresso via Marsala 

Ore 8.20 Partenza per Firenze con treno Frecciarossa n.9514 in posti riservati di 2° classe 

Ore 9.51 Arrivo alla stazione di Firenze Santa Maria Novella e sistemazione dei bagagli in albergo.  

Visita guidata della mostra “Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna”
Lo splendore delle arti fiorentine all’epoca della Controriforma e della committenza medicea. Dopo le mostre degli anni passati dedicate ai protagonisti della Maniera, Palazzo Strozzi presenta l’ultimo atto di una trilogia di mostre che ha puntato l’obiettivo sulla maturità del Rinascimento a Firenze. Vi figurano opere di Bronzino, Vasari, Rosso Fiorentino, Bartolomeo Ammannati. Tra i capolavori, la Deposizione del Pontormo dalla chiesa di Santa Felicita.
Pranzo libero
Nel primo pomeriggio visita guidata di Casa Buonarroti
Appartenuta ai discendenti della famiglia di Michelangelo, è una delle case-museo più affascinanti di Firenze. Del Maestro il palazzo di via Ghibellina conserva i due rilievi della Madonna della Scala e della Battaglia dei Centauri, un corpus di splendidi disegni, il modello ligneo della facciata, mai realizzata, per la chiesa di San Lorenzo. Di estremo interesse le decorazioni pittoriche seicentesche, che il mecenatismo di Michelangelo il Giovane, letterato e promotore di cultura, affidò ad Artemisia Gentileschi, Pietro da Cortona, Giovanni da San Giovanni.
Tempo a disposizione
Cena e pernottamento

2° GIORNO | SABATO 13 GENNAIO

Prima colazione, partenza per Siena con pullman privato e visita guidata della mostra “Ambrogio Lorenzetti”, nel complesso dell’ex ospedale di Santa Maria della Scala
I dipinti, conservati nei grandi musei d’Europa, furono eseguiti per committenti laici e religiosi. Oltre alle tavole sarà possibile ammirare frammenti di affreschi sopravvissuti alla distruzione, come quelli dell’aula capitolare e del chiostro della chiesa di San Francesco a Siena, e il ciclo della cappella di San Galgano a Montesiepi.
Al termine visita guidata del Duomo
Un’incantevole facciata fitta di statue, un interno superbo, con capolavori quali il Pergamo di Nicola Pisano, la Libreria Piccolomini affrescata dal Pinturicchio, l’eccezionale distesa delle lastre pavimentali a commesso marmoreo eseguite su disegni di Pinturicchio, Matteo di Giovanni, Domenico Beccafumi.
Pranzo libero
Nel primo pomeriggio visita guidata alle opere di Ambrogio Lorenzetti nel Palazzo Pubblico e al Teatro dei Rinnovati
Una visita mirata all’affresco del Buon Governo nella Sala dei Nove, opera tra le più affascinati di Ambrogio soprattutto nella descrizione realistica del paesaggio senese. Altrettanto imprescindibili gli affreschi della Maestà e di Guidoriccio da Fogliano del grande Simone Martini.
Il bel Teatro dei Rinnovati si trova all’interno del Palazzo. E’ nato nel XVI secolo dalla trasformazione della Sala trecentesca del Consiglio della Repubblica. Nel XVIII secolo Antonio Galli da Bibbiena lo ricostruì nella forma che tuttora mantiene, a eccezione di interventi sopraggiunti nel tempo.
NB La possibilità di visitare il Teatro è soggetta al calendario e all’allestimento degli spettacoli, attualmente in definizione.
Tempo a disposizione. In serata rientro a Firenze, cena e pernottamento.

3° GIORNO | DOMENICA?14 GENNAIO

Prima colazione e visita guidata agli affreschi di Andrea del Sarto nel Chiostro dello Scalzo
Nato con funzioni di atrio della cappella della Compagnia dei Disciplinati di San Giovanni Battista, fu affrescato da Andrea del Sarto dal 1509 al 1526 con scene monocrome rappresentanti la Vita del Battista e le Virtù. E’ considerato un capolavoro del grande pittore fiorentino.
A seguire visita guidata del vicino Museo degli Innocenti
Da un anno Firenze ha riavuto il suo Museo degli Innocenti, interessato da restauri e interventi di ristrutturazione. Gli spazi espositivi sono stati ampliati, i servizi al pubblico potenziati. Il percorso guida nella storia dell’istituzione, tra documenti d’archivio e opere d’arte. Nella prima parte si illustra la storia architettonica dello Spedale e l’evoluzione funzionale dell’Istituto. La Galleria ospita maestri come Sandro Botticelli, Andrea della Robbia, Filippo Lippi. Dalla terrazza quattrocentesca, dove è aperto il Caffè del Verone, si gode un bel panorama di Firenze.
Pranzo libero
Nel primo pomeriggio visita guidata della Cappella dei Magi in Palazzo Medici-Riccardi
La piccola cappella fu affrescata da Benozzo Gozzoli, qui al vertice della sua ispirazione. Gli affreschi, che descrivono il corteo dei Magi tra le fertili colline toscane, rivestono completamente le pareti del minuscolo ambiente con l’effetto di un arazzo prezioso.

Ore 18.08 Partenza con treno Frecciarossa n. 9545 in posti riservati di 2° classe

Ore 19.40 Arrivo alla Stazione Termini