Bookmark and Share
La visione di un sogno
Fine settimana a Lisbona
23/02/2018 - 25/02/2018

Itinerario culturale di 3 giorni, 2 pernottamenti. In aereo e pullman
Roma – Lisbona - Roma

 

Per il viaggiatore che arriva dal mare, Lisbona, anche da lontano, si erge come una affascinante visione di sogno, contro l’azzurro vivo del cielo che il sole colora del suo oro. E le cupole, i monumenti, i vecchi castelli si stagliano sopra il turbinio di case, come araldi lontani di questo luogo delizioso di questa regione fortunata. (Fernando Pessoa)

Venite con il libro sotto il braccio: il Tabucchi, il Pessoa, il Saramago che più avete amato. Se avete l’età per farlo, venite pensando ad Amalia Rodrigues, la Signora del Fado, che cantava in bianco e nero nella televisione degli anni Sessanta.
Venite a Lisbona, che ha un volto diverso per ogni colle sul quale si distende, perché i portoghesi hanno solcato molti mari. Troverete gli arabi negli azulejos, l’Europa nel barocco, l’iperbole spagnola nel gotico e in quel magnifico guazzabuglio di ogni ornato possibile che è il Manuelino, lo stile del cinquecento portoghese.

 

Le visite saranno curate dalla dottoressa Maria Clara Bartocci 

PRENOTAZIONI ENTRO IL 20 DICEMBRE

1° GIORNO | VENERDI’ 23 FEBBRAIO

Ore 9.30 Incontro dei partecipanti all’aeroporto di Fiumicino - Terminal 3  

Ore 11.45 Partenza con volo di linea TAP per Lisbona

Ore 13.40 Arrivo a Lisbona e trasferimento in albergo con pullman privato

Pranzo libero. Nel pomeriggio, visita guidata del quartiere della Baixa.
Caffè, teatri e ristoranti fanno di questo quartiere il cuore vitale e commerciale di Lisbona, caratterizzato da grandi arterie e da vaste piazze. La Praça Dom Pedro IV, popolarmente nota come il Rossio, è circondata da palazzi monumentali, tra cui il Teatro Nacional. La Praça do Comércio, la più grande di tutte, si apre scenograficamente sul fiume Tago.
Raggiungeremo il quartiere di Bairro Alto.
Pittoresco e popolare, il Bairro mantiene vive le tradizioni più autentiche di Lisbona, a cominciare dalla rivalità con l’Alfama. Quartiere della bohème, è diventato una zona residenziale con una comunità molto unita. A ricordo del terremoto del 1755 la Chiesa do Carmo si erge semidistrutta con le sue arcate. La grande piazza Luìs de Camoes celebra il grande poeta cinquecentesco e introduce al Chiado, il vecchio quartiere degli intellettuali.
Cena e pernottamento.

2° GIORNO | SABATO 24 FEBBRAIO

Dopo la prima colazione, visita guidata della Sè, la Cattedrale di Lisbona.
Nel panorama della città la facciata si profila tra le due torri squadrate e massicce. L’interno austero denuncia le origine romaniche, mentre il chiostro è ispirato ai modelli del gotico borgognone.
La visita proseguirà nel caratteristico quartiere di Alfama.
Nel tessuto irregolare di stradine e scalinate si arriverà fino al Castelo de São Jorge, meta obbligata per godere del luminoso panorama che abbraccia l’intera città.
Pranzo libero.

Nel pomeriggio visita guidata del Museu do Azulejo.
Un bellissimo museo tutto dedicato ad una delle forme più tipiche e felici dell’arte portoghese dell’ornato. Allestito nei chiostri del Convento da Madre de Deus, il Museo espone un’importante raccolta di mattonelle di colore blu cobalto, ocra e verde. Sala dopo sala, ne viene illustrata l’evoluzione, dall’introduzione ad opera dei Mori, alle influenze spagnole, alla conquista di uno stile nazionale.
Tempo libero a disposizione.
Cena e pernottamento.

3° GIORNO | DOMENICA 25 FEBBRAIO

Dopo la prima colazione, partenza in pullman per la visita guidata della Torre di Belém e del Mosteiro dos Jeronimos.
Bianca e imponente, la Torre di Belém è il simbolo di Lisbona. Torricelle, bifore e balconcini di varie fogge ed epoche, le donano un aspetto esotico e movimentato. I virtuosismi del tardo gotico e dell’arte manuelina fanno del Monastero il monumento più importante della città. Delicatissime sculture ricoprono la grande chiesa. Lo splendido chiostro traforato di bifore è rivestito di rilievi.
Pranzo libero
Nel pomeriggio visita del Parco delle Nazioni, il quartiere avveniristico sulla riva destra del Tago.
Creato per ospitare l’Expo ‘98, ha coinvolto architetti di fama mondiale, come il portoghese Álvaro Siza Vieira e lo spagnolo Santiago Calatrava, che ha firmato la nuova Estação de Oriente. Complesso polifunzionale, il parco ospita manifestazioni culturali e sportive, fiere e mercati. Edifici e padiglioni si alternano a parchi con fontane e giochi d’acqua.
Transfer in aeroporto. 

Ore 19.40 Partenza con volo di linea TAP per Roma 

Ore 23.35 Arrivo all’aeroporto di Fiumicino