Bookmark and Share
Il cielo d’Irlanda
Pasqua a Dublino
30/03/2018 - 02/04/2018

Itinerario culturale di 4 giorni, 3 pernottamenti. In aereo e pullman
Roma – Dublino - Roma 

 

“Voglio ritrarre Dublino in modo così completo, che se un giorno la città dovesse all’improvviso scomparire, sia possibile ricostruirla in base al mio libro” (J. Joyce)

È una qualità tutta letteraria quella che contraddistingue Dublino e la rende unica tra le capitali europee.
James Joyce certamente afferrò meglio di altri quel flusso di energia costante che scorre sotto lo stagno nero, il Dubh Linn, che dà il nome alla città, ma non fu il solo.
Dublino è in perenne movimento come i suoi artisti eccentrici, poeti e musicisti.
Città di frontiera, spirituale oltre che politica; dove spira un vento di entusiasmo che rende tutto possibile. 

 

 

1° GIORNO | VENERDI’ 30 MARZO

Ore 9.15 Incontro dei partecipanti all’aeroporto di Fiumicino - Terminal 3   

Ore 11.15 Partenza con volo di linea Aer Lingus per Dublino 

Ore 13.35 Arrivo a Dublino e trasferimento in albergo con pullman privato 

Pranzo libero. Nel pomeriggio visita di Dublino
Le piazze Georgiane, caratterizzate dalle tipiche case con le porte dai colori vivaci, i battenti in ottone e le lunette lavorate, O’Connell Street, l’esterno della Custom House, capolavoro dell’architettura georgiana la Bank of Ireland, antica sede del Parlamento ispirata all’architettura del Palladio.
Si visiterà la Basilica di St Patrick
Di antichissime origini, è la più grande chiesa d’Irlanda, dove Jonatan Swift fu decano ed è ancora oggi ricordato all’interno con il cosiddetto “Swift corner”.
E la Christchurch
La prima testimonianza scritta della Christ Church Cathedral si trova in un antico manoscritto che la colloca nella posizione odierna intorno al 1030. Lo stile odierno della Cattedrale è fortemente influenzato dall’architettura vittoriana in seguito alle opere di restauro e di rinnovo guidate dall’architetto George Edmund Street tra il 1871 e il 1878
Rientro in hotel.

Cena e pernottamento

2° GIORNO | SABATO?31 MARZO

Dopo la prima colazione visiteremo la National Gallery.
La National Gallery, aperta nel 1864, ospita importanti opere di artisti quali Jack B Yeats, Rembrandt, El Greco, Goya e Picasso. Molto spazio è dato ai paesaggi e ai ritratti d’Irlanda anche se sono presenti tutte le principali scuole di pittura d’Europa. Nell’ala italiana si possono ammirare, tra gli altri, opere del Beato Angelico, Mantegna, Paolo Uccello, l’”Ecce Homo” di Tiziano e “La Cattura di Cristo” tra le opere meno conosciute di Caravaggio.
Proseguiremo con il Trinity College
La piu’ antica universita’ d’Irlanda, dove si potrà ammirare, tra l’altro, il famoso Book of Kells, straordinario Vangelo miniato del IX secolo, tra i più belli mai realizzati, eseguito probabilmente da monaci seguaci di San Columba.
Pranzo libero
Nel pomeriggio visita della Guinnes Storehouse
Uno dei prodotti più famosi di Irlanda nato nel lontano 1759, questo stabilimento occupa ben 26 ettari di terreno. Le parti più antiche sono state riconvertite in un museo hi-tech, grazie a un avveniristico progetto che ha saputo adattare la struttura trasformandola in un edificio di 7 piani che assume la forma di una pinta di Guinness.
Tempo libero.
Cena e pernottamento

3° GIORNO | DOMENICA?1 APRILE

Prima colazione e partenza per la Powerscourt House.
Nei pressi del pittoresco villaggio di Egniskerry sorge la bellissima dimora in stile palladiano eretta nel 1700 sul modello della Villa Pisani in uno splendido contesto naturalistico.
Proseguimento per Glendalough, la valle dei due laghi, nella contea di Wicklow, e visita guidata ai resti del monastero di St. Kevin, di antiche origini medioevali. La visita include una passeggiata nel parco per godere dei bellissimi paesaggi circostanti.
Emozionante la posizione del monastero, cinto dai ripidi pendii coperti di boschi. Tra le reliquie più imponenti la Round tower, svettante e a copertura conica, e la grande Cattedrale.
Pranzo libero
Tornando a Dublino, sosta per una passeggiata al villaggio di Dalkey
Pittoresco villaggio di origini medievali, un tempo il paese di pescatori era dominato da ben sette castelli di cui oggi rimane un solo bastione ancora integro e maestoso. E’ stato per un periodo la residenza di James Joyce che qui ha ambientato il primo capitolo dell’Ulisse.
Cena e pernottamento

4° GIORNO | LUNEDI’?2 APRILE

Prima colazione e partenza per il castello di Malahide
Uno dei castelli più antichi d’Irlanda, costruito nel XII secolo diventò la residenza della famiglia dei Talbot fino al 1976 e possiede ancora oggi una ricca e prestigiosa mobilia risalente al XVI secolo e un’importante collezione di ritratti. L’immenso giardino che circonda il castello è impreziosito dal giardino botanico costruito da lord Milo Talbot tra il 1948 ed il 1973.
Pranzo libero e partenza per l’aeroporto

Ore 15.40 Partenza con volo di linea Aer Lingus per Roma  

Ore 19.50 Arrivo all’aeroporto di Fiumicino