Bookmark and Share
Itinerario artistico e musicale tra i grandi cenobi del Lazio
San Giovanni in Argentella, l’Abbazia di Farfa e il coro “Città di Roma”
06/05/2018 - 06/05/2018

Itinerario artisitico in pullman di 1 giorno

 

Affreschi, frammenti di architettura e scultura medioevale e un ricco patrimonio di cultura sono il lascito dei grandi monasteri del Lazio. La romanica chiesa abbaziale San Giovanni in Argentella  si trova tra gli ulivi e i vigneti di una vallata nei pressi di Palombara Sabina; il grande monastero di Farfa mostra la ricchezza e l’antica potenza nelle testimonianze artistiche che vanno dall’età carolingia al Cinquecento. A conclusione dell’itinerario, quasi un omaggio alla fioritura della musica tra le pareti monastiche, potremo assistere all’esibizione del Coro Città di Roma, che eseguirà un programma di canti sacri sul tema del Magnificat.  

 

PROGRAMMA

Ore 8.45 Appuntamento dei partecipanti alla Fontana ACEA a piazzale Ostiense
Ore 9.10 Secondo appuntamento a via Federico Cesi, davanti all’hotel Visconti, e partenza con pullman G.T.
Arrivo a San Giovanni in Argentella, e visita guidata della chiesa abbaziale.
Il complesso sorge nel mezzo di una vallata protetta dai monti Cornicolani, circondata da ulivi e vigneti. La denominazione «in Argentella» risale alla presenza di una sorgente che secondo la tradizione era utilizzata dai fedeli per le abluzioni del 24 giugno, giorno della festa di san Giovanni Battista. L’abbazia, probabilmente di origine benedettina, conserva inalterata una suggestiva foggia architettonica e decorativa di epoca romanica. Degna di nota all'esterno l'articolata sequenza delle absidi. Un sensibile elemento di fascino è la pronunciata asimmetria delle navate. Consistenti i resti degli affreschi del Trecento, di stile gotico internazionale, come testimoniano taluni soggetti, raffiguranti cortei processionali con re e cavalieri
Proseguimento per Farfa e pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata della celebre Abbazia
Nel cuore dell'antica Sabina, ai piedi del monte Acuziano, in un'atmosfera di mistico silenzio, che avvolge anche il caratteristico borgo che la circonda, sorge la millenaria abbazia benedettina di Farfa, immersa nel fascino di una natura verdeggiante. Mirabile esempio di architettura monastica occidentale, è stata per secoli una pedina fondamentale nell’evoluzione della storia prima longobarda e poi carolingia dell’Italia centrale
L’Abbazia, ricostruita a fine Quattrocento, conserva molte tracce del periodo carolingio e romanico: frammenti architettonici, sculture, mosaici cosmateschi. Notevoli gli affreschi del Cinquecento di Taddeo e Federico Zuccari, che vi inserirono decorazioni a grottesche, insolite all’interno di una chiesa.
Al termine della visita si assisterà, nell’Abbazia , ad un breve Concerto del Coro Città di Roma diretto da Mauro Marchetti - MAGNIFICAT
Un progetto-concerto che nasce con l’intento di mettere in risalto la figura della Vergine, nel mese mariano, attraverso l’esecuzione di brani a lei dedicati come il Magnificat, il Salve Regina e l’Ave Maria. Un vero e proprio viaggio nella musica corale che dal Rinascimento di Palestrina e Marenzio approderà al minimalismo contemporaneo di Part e alle delicate linee melodiche di Britten e Poulenc.
Al termine partenza per Roma dove l’arrivo è previsto intorno alle ore 19.00