Bookmark and Share
Alatri e il Castello di Fumone
Lazio da Scoprire
16/06/2018 - 16/06/2018

Itinerario artisitico in pullman di 1 giorno
PRENOTAZIONE ENTRO IL 8 GIUGNO

 

Visite a cura della dott.ssa Valeria Danesi

PROGRAMMA

Ore 8.20 Appuntamento dei partecipanti davanti al Visconti Palace in via Federico Cesi
Ore 8.40 Secondo appuntamento alla Fontana ACEA a piazzale Ostiense e partenza con pullman G.T. per Alatri
All’arrivo visita guidata di Alatri deliziosa cittadina ciociara fondata in età antichissima dagli Ernici che la dotarono di una imponente cinta muraria.
L’Acropoli fortificata, è considerata il più perfetto e meglio conservato esempio di costruzione poligonale in Italia. Imponenti le megalitiche mura che la circondano sulle quali si aprono la Porta Maggiore e la Porta Minore.
Di grandissimo interesse la medioevale chiesa di Santa Maria Maggiore
Costruita nel V secolo nell’area del foro romano, sui resti di un tempio pagano , subì ampliamenti in epoca romanica. La sua versione definitiva risale al XII secolo e vide l’intervento di maestranze provenienti dalla Borgogna. All’interno custodisce interessanti opere di epoca medievale e rinascimentale tra cui un magnifico gruppo ligneo della Madonna di Costantinopoli, capolavoro dell’arte romanica del XII secolo.
Accanto a S. Maria Maggiore sorge la chiesa di San Francesco
Una severa facciata risalente all’epoca gotica, un interno completamente rimaneggiato in epoca barocca e, soprattutto, nel Chiostro, la presenza enigmatica di quello che viene definito il Cristo nel Labirinto. La figura del Cristo Pantocrator è inserita infatti in una serie di cerchi concentrici bianchi e neri ed è tuttora oggetto di studi dai quali è emersa la similitudine con una immagine identica che si trova Cattedrale di Notre-Dame a Chartres. Affascinante il discorso simbolico legato alla forma del labirinto.
La mattinata terminerà con la visita alla piccola, preziosa Mostra “Il Cristo Svelato. La Pietà di Girolamo Troppa” allestita nella Chiesa degli Scolopi.
Un’unica opera. Un grande capolavoro. Quello di Girolamo Troppa, notevole artista seicentesco, poco conosciuto al grande pubblico, artefice di numerose altre opere a Roma e in Europa. Sarà possibile, dopo gli studi più recenti, approfondire la bellezza e il valore di questa magnifica Pietà dove l’umanità incontra la spiritualità attraverso il dolore. Le figure, esaltate sapientemente dal colore blu del manto di Maria e dal bianco del sudario di Cristo, sono collocate in uno spazio senza tempo e senza particolari che possano distrarre dai personaggi.
Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita al Castello di Fumone
In cima al monte omonimo, dalla singolare forma conica, in un’invidiabile posizione panoramica, questo delizios e intatto borgo medievale conserva la Rocca, trasformata nel Cinquecento in residenza signorile. Dell’antica fortezza, ricca di storia e leggende, si visiterà il piano nobile con la Cappella e il Carcere di Celestino V, la Sala degli Antenati, la Sala dei Cesari e quella degli Stemmi. Un passaggio di ronda conduce al Giardino Pensile, il più alto d’Europa, che completa e ingentilisce il Castello.
Al termine partenza per Roma dove l’arrivo è previsto intorno alle ore 19.00