Bookmark and Share
Sulle tracce dei Romani
Viaggio di Capodanno in Algeria del Nord
29/12/2018 - 05/01/2019

Itinerario culturale di 8 giorni, 7 pernottamenti. In aereo e pullman
Roma - Algeri - Tipasa - Cherchell - Djemila - Constantine - Tiddis - Lambessa - Timgad - Algeri - Roma

 

Il nord dell’Algeria è stato occupato dai Romani a partire dalla distruzione di Cartagine sia per motivi strategici, per il controllo del mediterraneo, sia soprattutto per la fertilità del suolo.
Numerose città ed insediamenti sono stati edificati nel corso dei secoli durante questa occupazione, molte di queste sono ancora visitabili ed in buona condizione anche grazie al clima della regione, permettendo di ammirare alcuni dei siti archeologici più spettacolari del Nord Africa.
La regione, finalmente sicura dopo anni di tensioni politiche e sociali, permette di scoprire tracce della nostra storia ancora al di fuori dei flussi del turismo di massa 

 

Le visite saranno curate dalla dottoressa Alessandra Negroni

PRENOTAZIONI ENTRO IL 26 OTTOBRE

1° GIORNO | SABATO 29 DICEMBRE

Ore 11.30 Appuntamento dei partecipanti all’aeroporto di Fiumicino - Terminal 3 

Ore 13.30 Partenza con volo di linea Air Algerie per Algeri 

Ore 15.20 Arrivo all’aeroporto di Algeri e trasferimento in hotel con pullman privato

Lungo il percorso sosta per la visita del Makkam Ech-Chadid e del museo Moudjahid
Inaugurato nel 1982, il monumento dei Martiri è un’iconica e imponente costruzione che ricorda la lotta per l’indipendenza. Il museo, situato all’interno del monumento, racconta la storia della colonizzazione algerina e delle battaglie che hanno portato all’indipendenza del 1962.
Sistemazione in albergo.

Cena e pernottamento.

2° GIORNO | DOMENICA?30 DICEMBRE

Prima colazione, partenza per Tipasa e visita dell’area archeologica.
Un insieme unico di vestigia fenice, romane, paleocristiane e bizantine è presente in questa importante ed affascinante area archeologica che ha ispirato anche opere di Camus che qui ha ambientato due romanzi. Tra le rovine, dal 1982 patrimonio UNESCO, due necropoli, tre chiese tra le quali l’imponente Basilica Cristiana, terme ed un teatro.
Visita alla Kbor er-Roumia
Un ampio edificio circolare risalente al II secolo a.C. utilizzato per la sepoltura di alcuni re mauritani.
Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita al punto panoramico del Parco Nazionale Chenou dove faremo una degustazione del tradizionale tè verde.
Visita di Cherchell
L’antica Cesarea, distesa tra mare e montagna, diventata in seguito capitale del regno di Mauritania.
Rientro ad Algeri. Cena e pernottamento

3° GIORNO | LUNEDI’ 31 DICEMBRE

Prima colazione e visita di Algeri. Cominceremo con la Casbah
Divisa in una zona bassa che ha subito una trasformazione urbanistica durante la colonizzazione francese, e presenta oggi stupende residenze in prossimità del porto, e la parte alta caratterizzata da dedali di viuzze e di vicoli che restituiscono l’atmosfera suggestiva di un tempo nonostante i crolli e gli abbattimenti.
Visiteremo il Bastione 23, un complesso architettonico che comprende quattro edifici nei pressi del porto
Il Palazzo del Rais, edificato alla fine del XVIII secolo è un complesso architettonico con pareti di mosaici multicolori e soffitti scolpiti.
Proseguiremo con i Giardini d'Essai,
Voluti dal generale francese Avisard, sono un giardino botanico con più di 3000 specie vegetali
Pranzo in ristorante e nel pomeriggio proseguimento delle visite
La Dar Mustapha Pacha
Forse il più bell’esempio di casa moresca in Algeri, costruita nel XVIII secolo, ha le pareti completamente rivestite da piastrelle di ceramica provenienti da Delft e dall’Italia.
La basilica cattolica di Notre Dame d’Afrique
Edificata su un promontorio, è la basilica della capitale; terminata nel 1872 fu costruita su pianta bizantina ed è sormontata da una cupola.
Rientro in hotel e tempo a disposizione.
Trasferimento per la cena di gala in ristorante.

Rientro in hotel e pernottamento.

4° GIORNO | MARTEDI’ 1 GENNAIO

Prima colazione, partenza per Djemila e visita del sito romano di Cuicul
Djemila “la bella” si erge su uno sperone roccioso alla confluenza di due uadi. La zona, particolarmente fertile, fu scelta nel I secolo a.C. come sede di una colonia per veterani durante il regno di Nerva. E’ oggi uno splendido sito, che presenta gli edifici principali ancora ben conservati e numerosi reperti, soprattutto statue e bei mosaici, custoditi in un museo.
Pranzo in ristorante e proseguimento per Constantine.
Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

5° GIORNO | MERCOLEDI’ 2 GENNAIO

Prima colazione e visita del sito di Tiddis
All’imbocco delle gole di Khreng, in un luogo solitario e suggestivo, sorge quella che era una delle cittadelle fortificate che proteggevano verso la zona costiera dalle possibili incursioni berbere provenienti dal sud. La città è ancora ben conservata e la struttura del sito leggibile.
Rientro a Costantine e visita della città. Cominceremo con lo spettacolare ponte Sidi M’Cid
Lungo 168 metri e sospeso su una gola profonda 175 metri è uno dei segni di riconoscimento della città ed uno dei punti panoramici.
Il palazzo di Ahmed Bey
Al centro della città vecchia, fu una testimonianza della dominazione turca. Costruito nel 1826 con materiali pregiati fatti arrivare da diverse parti del mondo
Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita al Museo Cirta
Si compone di tre sezioni dedicate all’archeologia, alle belle arti e all’etnografia. Conserva la collezione dei reperti provenienti dalla vicina Tiddis oltre a dipinti algerini ed europei ed inoltre tappeti, abiti tradizionali e gioielli locali.
Passeggiata per i mercati locali.
Rientro in hotel. Cena e pernottamento

6° GIORNO | GIOVEDI’ 3 GENNAIO

Prima colazione e partenza verso il sud per la visita dell’antica Lambessa
Centro abitato divenuto in seguito municipio e poi colonia, formatosi vicino ad un campo militare fondato da Tito fino a diventare il principale centro militare della provincia d’Africa sotto Adriano. Restano importanti monumenti sia della città sia del campo, organizzato secondo il modello castrense romano.
Visita della tomba del Re Amedghasen e pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio visita del sito, patrimonio UNESCO, di Timgad
Situato alle falde del monte Aurés, è il sito meglio conservato dell’Algeria grazie alle sabbie del deserto che hanno preservato le strutture fino ad una certa altezza, permettendo una chiara lettura della struttura della città. Fondata dall’imperatore Traiano nel 101 d.C. era una colonia strutturata su un piano rigorosamente geometrico che è ancora ben visibile nel Cardo e nel Decumano. Il museo conserva pregiati mosaici.
Rientro a Costantine.

Cena e pernottamento

7° GIORNO | VENERDI’ 4 GENNAIO

Prima colazione e trasferimento all’aeroporto di Costantine e volo interno per Algeri.
Pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio visita del Museo delle Antichità
Il più antico museo africano, custodisce i reperti più preziosi del paese suddivisi in due collezioni di arte classica e islamica. Vi si possono ammirare ritrovamenti di inestimabile valore risalenti al periodo romano, affiancati da alcune delle produzioni più preziose degli artisti ed artigiani locali
Tempo a disposizione e trasferimento in hotel.

Cena e pernottamento.

8° GIORNO | SABATO 5 GENNAIO

Prima colazione e trasferimento in aeroporto

Ore 10.30 Partenza con volo di linea Air Algerie

Ore 12.30 Arrivo all’aeroporto di Fiumicino