Bookmark and Share
Venezia
Tintoretto in mostra, a cinquecento anni dalla nascita
05/01/2019 - 06/01/2019

Itinerario culturale di 2 giorni, 1 pernottamento. In treno
Roma – Venezia - Roma

 

El Greco, Rubens e Velázquez furono toccati dal genio del Tintoretto. Venezia gli spalancò le porte dei palazzi più prestigiosi: il Palazzo dei Dogi, le residenze private, le sedi delle confraternite più ricche.
Venezia si mobilita in questi mesi per celebrare i cinquecento anni dalla nascita di Jacopo Robusti, quel Tintoretto figlio di un modesto tintore, che seppe sfidare la fama di Tiziano e rinnovò la pittura nello stile, nelle tecniche e nelle iconografie, con ammirevole audacia sperimentale.
Una tensione a valicare percorsi già battuti che ha attratto anche artisti di epoche recenti ed è forse stata la molla che ha spinto la scrittrice Melania Mazzucco a dedicare al Tintoretto due libri ponderosi e affascinanti.
L’immagine e la società di Venezia nel pieno del Cinquecento si rispecchiano profondamente nella sua pittura grandiosa e fremente, di gesti enfatizzati e di luci e ombre in fragoroso conflitto.
A ottant’anni dall’ultima monografica, Venezia riscopre Tintoretto con due mostre: l’una, alle Gallerie dell’Accademia, dedicata alla giovinezza dell’artista, l’altra, a Palazzo Ducale, celebrativa della piena maturità. 

 

Le visite saranno curate dalla dott.ssa  Andreina Ciufo 

PRENOTAZIONI ENTRO IL 29 OTTOBRE

1° GIORNO | SABATO 5 GENNAIO

Ore 8.00 Appuntamento alla Stazione Termini lato Via Marsala

Ore 8.35 Partenza per Venezia con treno Frecciargento 8416 in posti riservati di 2° classe 

Ore 12.20 Arrivo alla Stazione di Venezia Santa Lucia e transfer in albergo con motoscafo privato.

Sistemazione dei bagagli in albergo e pranzo libero
Nel primo pomeriggio visita guidata della mostra “Il giovane Tintoretto” alle Gallerie dell’Accademia
Prologo all’esposizione di Palazzo Ducale, la mostra dell’Accademia esplora gli anni formativi di Tintoretto, dal 1538 al 1548, data, quest’ultima, del clamoroso successo riscosso dalla tela del Miracolo dello schiavo per la Scuola Grande di San Marco. Il percorso permette di verificare le tappe evolutive di una pittura sempre più libera e ricca di azzardi.
Tempo libero
Cena e pernottamento

2° GIORNO | DOMENICA 6 GENNAIO

Prima colazione e visita guidata della mostra “Tintoretto 1519-1594”, nell’Appartamento del Doge a Palazzo Ducale.
Le opere provengono da collezioni pubbliche e private prestigiose. Né poteva essere altrimenti per un anniversario così importante. La collocazione nell’Appartamento dogale consente altresì di ammirare i grandi cicli realizzati dal Tintoretto per il Palazzo Ducale. Tra i capolavori, Susanna e i vecchioni, Giuseppe e la moglie di Putifarre, Il ratto di Elena.
Pranzo libero
Nel primo pomeriggio visita guidata a Palazzo Albrizzi a San Polo, sede dell’Associazione culturale Italo-Tedesca.
La facciata sobria non lascia indovinare lo sfarzo degli interni. Nel corso del XVII secolo gli Albrizzi, ricchissima famiglia di mercanti, trasformarono la dimora in residenza di prestigio. Un campionario di splendidi stucchi, i dipinti settecenteschi di Antonio Pellegrini, i mobili in stile rococò convivono in armonia grazie al gusto che equilibra composizioni e colori. Il palazzo è stato nell’Ottocento la sede di un cenacolo letterario animato dalla nobildonna Isabella Teotochi e frequentato da Lord Byron, Ugo Foscolo, Vittorio Alfieri.
Tempo a disposizione

Ore 18.25 Partenza con Freccia Argento 9453 in posti riservati di 2° classe

Ore 22.10 Arrivo alla Stazione Termini