Bookmark and Share
Con gli occhi di Segantini
Il Cantone dei Grigioni e il Trenino Rosso del Bernina
04/07/2019 - 07/07/2019

Itinerario culturale di 4 giorni, 3 pernottamenti. In treno e pullman
Roma – Milano - Morbegno - Tirano - St Moritz - Chiavenna - Celerina - Mustair - Bolzano - Roma

 

L’Engadina di Giovanni Segantini, i paesaggi, tra i più belli della Svizzera, i sapori della cucina e gli aromi del vino e delle grappe: dopo il Canton Ticino, esplorato la scorsa estate, quest’anno tocca ai Grigioni, regione di forti contrasti, paesaggistici, linguistici e religiosi.
Uno dei momenti più belli del viaggio sarà l’escursione fino a St. Moritz, con il trenino rosso che attraversa paesaggi di incantata bellezza. Chiese, palazzi nobiliari, borghi montani ritmano gli itinerari che abbiamo scelto, mentre gli artisti sintetizzano per noi l’anima dei luoghi: Giovanni Segantini, che ha catturato nel colore la luce vivida dei monti e dei pascoli; la disegnatrice Mili Weber, che con un candore disarmante, ha trasformato in un rifugio fuori dal tempo la sua fiabesca casa di St. Moritz 

 

1°?GIORNO | GIOVEDI’ 4 LUGLIO

Ore 8.00 Appuntamento alla Stazione Termini lato Via Marsala

Ore 8.30 Partenza per Milano con treno Frecciargento n. 9612, in posti riservati di 2° classe

Ore 11.29 Arrivo alla stazione di Milano Centrale e partenza in pullman privato per Morbegno

Considerato il naturale anello di congiunzione tra il lago di Como e la Valtellina, il piccolo e piacevole centro lombardo presenta delle attrazioni culturali ed enogastronomiche su cui vale la pena soffermarsi.
Cominceremo le nostre visite con l’elegante Palazzo Malacrida.
La dimora fu costruita nel Settecento, da Pietro Solari di Bolvedro, per volere della nobile casata dei Malacrida. Se l’esterno colpisce per l’umiltà e la sobrietà della sua facciata, di certo non è possibile affermare lo stesso per l’interno. Le sale sono infatti impreziosite da stucchi e affreschi, come lo splendido soffitto del salone d’onore opera di Cesare Ligari, che parlano un linguaggio artistico proprio delle grandi capitali europee del XVIII secolo.
Pranzo libero.

Nel pomeriggio ci concederemo una sosta …golosa con visita e degustazione presso i Fratelli Ciapponi.
La storica Bottega dell’Orologio nel centro di Morbegno, nata nel 1883, è in realtà anche un Museo della civiltà contadina le cui tradizioni continuano ad essere tramandate con passione dalla famiglia che non cede alle mode passeggere e mantiene inalterato il prezioso legame con il passato della Valtellina. Il retrobottega è un luogo ricco di fascino, quasi una cattedrale laica, con le cantine del vino che si intersecano e quella dei formaggi inserite in ambienti con volte, colonne e celle ad alveare. E poi gli squisiti prodotti locali che vanno dal formaggio Bitto, ai salumi, ai vini e alle grappe.
Proseguimento per Aprica, sistemazione in albergo, cena e pernottamento

2°?GIORNO | VENERDI’ 5 LUGLIO

Prima colazione e partenza per la vicina Tirano per una straordinaria escursione a bordo del treno Bernina Express fino a St. Moritz
Il famoso trenino rosso, con un percorso di circa due ore e trenta, attraversa uno tra i paesaggi montani più suggestivi di Europa, mettendo in collegamento la Valtellina alla svizzera St. Moritz. Il binario si snoda lentamente per 60 km tra pascoli e alpeggi, che mostreranno ai nostri occhi la brillante e viva tavolozza di colori di una natura selvaggia e rigogliosa.
Pranzo libero a St Moritz
Situata in Alta Engadina, la famosa località, regina dello sci invernale, si presenta agli occhi del visitatore come un delizioso villaggio alpino che, anche in estate, propone delle attività che ne rendono la sosta davvero unica.
Tra queste c’è sicuramente una visita per ammirare le opere di Giovanni Segantini spostate temporaneamente dal Museo a lui dedicato, e in fase di ristrutturazione, nel Forum Paracelsus.
Segantini esponente di spicco del Divisionismo di fine Ottocento, trascorse proprio in Engadina gli ultimi anni della sua vita, celebrandone le montagne con opere del calibro del trittico ‘La Natura-La Vita-La Morte’.
Di grande interesse anche la Casa-museo di Mili Weber, la pittrice svizzera che nei primi anni del Novecento trasformò la sua abitazione, nascosta nel bosco nelle vicinanze del lago di St. Moritz, in un luogo fatato abitato da folletti dipinti. Realizzata dal fratello architetto Emil Weber, è una suggestiva costruzione in pietra e legno con affreschi, soffitti dipinti, arredamenti in legno e opere dell’artista.
Rientro in albergo, cena e pernottamento

3°?GIORNO | SABATO?6 LUGLIO

Dopo la prima colazione, partenza per Chiavenna.
Tra il verde lussureggiante dell’omonima valle si nasconde il suggestivo borgo di Chiavenna, nella valle omonima. Passeggiando tra i suoi vicoli si avrà la sensazione di compiere un viaggio indietro nel tempo, dove le tipiche case in pietra ollare si alternano ai famosi ‘crotti’, cavità rupestri utilizzate come frigoriferi naturali. Molti di essi, trasformati in cantine o ristoranti, sono ormai diventati luoghi di socialità dove potremo concederci una pausa golosa alla scoperta degli squisiti prodotti locali come la ‘brisaola’.
Visita guidata alla bella collegiata di S. Lorenzo
Il complesso, fondato nel XII secolo, nonostante i rifacimenti subiti in epoca moderna conserva ancora oggi importanti tracce del suo passato come lo splendido fonte battesimale, realizzato nel 1156 in un monolite in pietra ollare, e la coperta di evangeliario dell’XI secolo, nota come la ‘Pace di Chiavenna’, capolavoro indiscusso di oreficeria medievale.
A seguire, visita guidata, con apertura riservata, all’elegante Palazzo Salis
Affacciato sulla centralissima piazza Castello, il palazzo, circondato da un rigoglioso giardino all’inglese, fu realizzato nella metà del Settecento per la omonima famiglia. Gioiello della dimora è indubbiamente, al piano terra, il teatrino, dall’acustica perfetta, interamente decorato in rilievi in stucco dal sapore veneziano.
Pranzo libero
La nostra giornata si concluderà con una visita al Mulino Moro Bottonera
Fondato nel 1867 nella parte alta della città, il mulino dell’ex-pastificio Moro sorge nell’antico quartiere ‘artigiano’ Bottonera di Chiavenna ricco di attività che in passato utilizzavano, per la produzione, le acque del fiume Mera organizzate in canali. Una visita ricca di fascino che ci permetterà di comprendere una storia fatta di acqua, farina e pasta, ma soprattutto di apprezzare le architetture di questo incredibile esempio di archeologia industriale
Rientro in hotel, cena e pernottamento

4°?GIORNO | DOMENICA?7 LUGLIO

Dopo la prima colazione, partenza per Celerina e visita alla chiesa di San Gian.
L’ antica chiesa medievale si erge su di una collina al di fuori del centro abitato, immersa nel silenzio delle vicine montagne che le fanno da sfondo. La storia architettonica del complesso è suggerita dalla presenza di due torri campanarie: la più piccola, risalente alle origini di XII secolo, e quella più grande tardo-gotica che nel 1669 fu colpita da un fulmine che la privò della terminazione mai più ricostruita e divenuta il simbolo di Celerina.
Proseguendo per Müstair avremo modo di ammirare i maestosi paesaggi incontaminati della Val Müstair nel Cantone dei Grigioni in Engadina con ampie vallate e borghi caratterizzati da case con ricche decorazioni murali
Pranzo libero
Nel primo pomeriggio visita guidata al monastero carolingio di S. Giovanni
Inserito nel 1983 nella lista dei siti del Patrimonio Mondiale Unesco, il complesso benedettino vanta antiche e nobilissime origini. Secondo la tradizione, infatti, fu l’imperatore Carlo Magno in persona che, nell’VIII secolo, dopo essere scampato miracolosamente a una tormenta di neve che lo aveva colto in zona, decise di fondare un monastero intitolato a San Giovanni. La chiesa, vero gioiello architettonico armoniosamente inserito in una cornice montana che lascia senza fiato, conserva ancora oggi preziose testimonianze artistiche come gli affreschi risalenti alla fondazione carolingia.
Proseguimento per Bolzano

Ore 17.13 Partenza per Roma con treno Frecciargento, n. 8527, in posti riservati di 2° classe

Ore 21.45 Arrivo alla Stazione Termini