Bookmark and Share
Le mille luci della Ville Lumiere
Capodanno a Parigi
30/12/2019 - 02/01/2020

Itinerario culturale di 4 giorni, 3 pernottamenti. In aereo e pullman.
Roma – Parigi - Roma

 

La Ville Lumière in questo periodo si presenta al mondo come la capitale indiscussa delle meraviglie. Il fascino della Senna illuminata, l’odore delle feste e qualche fiocco di neve, esaltano la maestosità della città d’arte per eccellenza, che non accetta tacita il roboante incanto della festa, bensì sceglie di rinnovarsi ancora, mostrandosi nuova anche ai suoi amanti più fedeli. Un itinerario pensato per spaziare dai grandi classici di Parigi, come il Musée d’Orsay, alle opere di architettura contemporanea create da archistar come Renzo Piano, Frank Gehry, e Jean Nouvel

 

Le visite saranno curate dalla dottoressa Caterina Brazzi

 

PRENOTAZIONI ENTRO IL 18 OTTOBRE

1° GIORNO | LUNEDI’ 30 DICEMBRE

Ore 10.30 Appuntamento dei partecipanti all’aeroporto di Fiumicino T1 check in Air France

Ore 12.35 Partenza con volo di linea Air France per Parigi

Ore 14.50 Arrivo all’aeroporto Parigi, transfer con pullman privato in albergo

Sistemazione in albergo e passeggiata urbanistica tra L’Eliseo e la Place de la Madeleine, alla scoperta della Parigi istituzionale, elegante e luminosa soprattutto in questo periodo di feste.
Place Vendôme, dove tra gli eleganti palazzi si affacciano le vetrine dei marchi più prestigiosi al mondo; la Rue St. Honoré, una delle storiche vie del passeggio illuminata a festa, il camminamento porticato del Palais Royal e l’incredibile fascino della Galerie Vivienne animata da piccole librerie e antiche botteghe, un classico dei passages parigini con gallerie commerciali sfarzose di marmi e di vetrate fermi ai tempi della Belle Epoque su cui affacciano ateliers di moda sofisticata o trasgressiva, oreficerie, storici negozi di antiquariato e confortevoli sale da tè.
Cena e pernottamento

2° GIORNO | MARTEDI’ 31 DICEMBRE

Prima colazione e partenza in pullman per la visita guidata della Fondazione Louis Vuitton
Eccelso e intramontabile il genio di Luis Vuitton. Giovane apprendista presso Monsieur Marechal, artigiano di bauli, intuì con anticipo le profonde trasformazioni del XIX secolo, cambiando le regole dello stile e della moda per sempre. Frank Gehry, ideatore del Guggenheim di Bilbao, non poteva immaginare un tempio migliore per celebrarne il mito. Inaugurata ad ottobre 2014, la Fondazione Luis Vuitton è pensata come un iceberg, una vela e una nave: un insieme poliedrico di legno, vetro e acciaio dedicato completamente all’arte contemporanea, capace di rivoluzionare la Parigi del XXI secolo.
A seguire visita del Musée Marmottan.
Situato ai margini del Bois de Boulogne, il museo è nato come raccolta di oggetti e arredi del Rinascimento e del Primo Impero, ma è diventato il museo di Monet, di cui custodisce la più vasta delle collezioni. Tra le molte, splendide tele, Impression-Soleil levant, quadro-manifesto dell’Impressionismo, e la magnifica serie delle Ninfee.
Pranzo libero e tempo a disposizione.
Nel pomeriggio visita alla zona de Les Halles
L’animazione, le grida dei venditori, i colori e gli odori delle merci: degli antichissimi mercati generali di Parigi non restano che le pagine dei romanzi o qualche scena nei vecchi film. Al loro posto è sorto il Forum des Halles, centro polivalente con negozi, luoghi di ritrovo e spazi culturali. Tra le più affascinanti creazioni contemporanee, la sua modernità crea un riuscito contrasto con la chiesa di St. Eustache, gotica e rinascimentale. Negli ultimi anni la zona è stata sottoposta a importanti interventi di restauro e ampliamento terminati nel 2016. Di grande fascino la Canopée
termine che indica la parte superiore delle foreste: è una grandiosa copertura costituita da 18.000 conchiglie di vetro la cui struttura riproduce la forma di una foglia. Nei pressi de Les Halles sorge il Centre Pompidou, opera architettonica emblematica della fine del XX secolo, progettato da Renzo Piano e Richard Rogers (visita esterna)
Tempo a disposizione e rientro libero in albergo
Cena di Capodanno e pernottamento

3° GIORNO | MERCOLEDI’ 1 GENNAIO

Prima colazione e trasferimento con la metro per la visita al Musée d’Orsay collocato nella storica Stazione ristrutturata da Gae Aulenti.
Ingres e Delacroix, Courbet e Van Gogh, “Le déjeuner sur l’herbe” di Manet, “Le Moulin de la Galette” di Renoir, “La Belle Angèle” di Gauguin. Accademici di prestigio e rivoluzionari derisi, pittori alla moda e innovatori solitari: tutti gli artisti di Francia, dal 1850 alla prima guerra mondiale, sfilano gli uni accanto agli altri in questo tempio dell’arte contemporanea che racchiude decine di capolavoriMuseo d’Orsay
La visita a questo Museo straordinario sarà l’occasione per visitare anche la Mostra temporanea “Degas all’Opera di Parigi”
Pranzo libero
Nel pomeriggio visita guidata del Musée du Parfum et Fragonard.
“Come l’ambra, il muschio, il benzoino e l’incenso / che cantano gli slanci dello spirito e dei sensi.” (Baudelaire, Corrispondenze)
Il museo, aperto nel 2015, è allestito in un elegantissimo hotel par¬ti¬cu¬lier dell’Ottocento, in prossimità dell’Opéra Garnier. Una rassegna di oggetti di profumeria dall’antichità all’inizio del XX secolo per scoprire la storia della fabbricazione delle essenze e i mutamenti del gusto. Magnifica l’ambientazione con soffitti affrescati, pavimenti di legno, stucchi, sfarzosi lampadari e caminetti
Rientro in hotel.

Cena e pernottamento.

4° GIORNO | GIOVEDI’?2 GENNAIO

Prima colazione e trasferimento con la metro per la visita al Musée Nissim De Camondo
Nell’elegante quartiere sorto attorno al Parc Monceau si trova uno dei più affascinanti musei di Parigi, dedicato alle arti applicate. Allestito da Moïse de Camondo in memoria del figlio Nissim, il museo ospita un’eccezionale collezione di arredi: arazzi Aubusson e Beauvais, porcellane di Sèvres, mobili di prestigiosi ebanisti del Settecento e tele di Guardi e Huber
A seguire visita al Musée Baccarat
Nella cornice di un lussuoso palazzo dell’Ottocento, rinnovato da Philippe Starck, vasi, candelieri e oggetti d’arredamento, raccontano l’evolversi delle tecniche e dello stile del marchio Baccarat. Un trionfo dell’arte del cristallo, con pezzi antichi e moderni di sorprendente bellezza tra cui oggetti commissionati da reali e corti imperiali.
Pranzo libero e tempo a disposizione
Nel pomeriggio trasferimento in pullman all’aeroporto di Parigi

Ore 21.20 Partenza con volo di linea Air France?per Roma.

Ore 23.25 Arrivo all’aeroporto di Fiumicino