Bookmark and Share
Le Luci del Natale
La magica atmosfera di Napoli e Salerno
12/12/2021 - 14/12/2021

Itinerario culturale di 3 giorni, 2 pernottamenti. In treno e pullman
Roma – Napoli - Castellammare di Stabia - Vico Equense - Salerno - Roma

 

Le visite saranno curate dalla dott.ssa  Caterina Brazzi

 

PRENOTAZIONI ENTRO IL 12  NOVEMBRE

1° GIORNO | DOMENICA 12 DICEMBRE

Ore 9.00 Appuntamento dei partecipanti alla Stazione Termini lato Via Marsala

Ore 9.25 Partenza per Napoli con Frecciarossa n. 9509 in posti riservati di 2° classe

Ore 10.28 Arrivo a Napoli Centrale, transfer con pullman privato in albergo, sistemazione dei  bagagli e inizio delle visite guidate

Il Museo Archeologico Nazionale
Uno dei Musei archeologici più antichi e importanti al mondo. Realizzato da Carlo di Borbone raccoglie straordinarie testimonianze delle città vesuviane. Le opere provenienti dalle collezioni delle residenze dei Borboni di Parma e di Roma sono state nel tempo arricchite da nuove acquisizioni giunte dai vari siti della Campania, dell‘Italia Meridionale e collezioni private. Affreschi, sculture, oggetti della vita quotidiana, capolavori per compiere un viaggio stupefacente nel mondo dell’antichità.
Pranzo libero
Nel primo pomeriggio visita del Pio Monte dove si conserva la tela del Caravaggio Le sette opere di Misericordia
L’ingegnosa pala d’altare, di elaborata e affascinante complessità, fu eseguita dal Caravaggio nel 1607, l’anno successivo alla fuga da Roma. La tela, uno dei suoi massimi capolavori, primeggia sulle altre, peraltro bellissime, dei grandi seguaci napoletani del pittore, tra cui Battistello Caracciolo.
Sistemazione in albergo

Ore 18.00 Serata Musicale Facoltativa al Teatro San Carlo
JURAJ VALCUHA
Soprano | Lise Davidsen ?
Programma
Luigi Dallapiccola, Piccola musica notturna
Richard Strauss, Vier letzte Lieder, Op. 150 - Tod und Verklärung, Op. 24
Orchestra del Teatro di San Carlo
Durata 90 minuti

Cena e pernottamento

2° GIORNO | LUNEDI’ 13 DICEMBRE

Prima colazione e partenza con pullman privato per Castellammare di Stabia e visita alla Villa San Marco e alla Villa Arianna.
Nel I secolo a.C. la Campania divenne una delle più ricche regioni dell’Italia romana. Lo testimonia la grande quantità di magnifiche ville costruite lungo la costa. Terme private, coloratissimi stucchi, preziosi affreschi, marmi e mosaici ostentavano la ricchezza e il potere del patriziato. L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. congelò questi luoghi nel momento della loro età più splendida, per restituirli pressoché intatti con gli scavi settecenteschi promossi dall’amministrazione borbonica. Le due ville di Castellammare si trovano sulla sommità di una collina, tra vigne, ulivi e frutteti. Affacciate sul Golfo di Napoli, hanno restituito affreschi con scene mitologiche e di genere e planimetrie insolite, di notevole originalità. Tra gli ambienti conservati: tablini, atri colonnati, triclini, ambienti termali.
Proseguimento per la vicina Vico Equense per una passeggiata nel caratteristico borgo la cui origine risale al VII secolo a.C.

Pranzo libero
Nel primo pomeriggio partenza per Salerno e visita guidata del Duomo.
Durante la dominazione normanna Salerno raggiunse la massima fioritura,grazie anche alla prestigiosa Scuola Medica dove insegnò San Tommaso d’Aquino. Il grande monumento di Salerno è il Duomo, nel fitto abitato medioevale adagiato sul declivio di un colle. Dedicato a San Matteo, fu eretto per Roberto il Guiscardo nella seconda metà dell’XI secolo. Lo precede un vasto ed elegante atrio, su cui si apre l’aula che fu sede della Scuola Medica. Il patrimonio di bellezza della chiesa presenta testimonianze eccellenti dell’Età di Mezzo, quali: le sculture dei portali, i battenti bronzei del portale maggiore fusi a Costantinopoli, i rivestimenti musivi degli splendidi amboni e dell’iconostasi, l’imponente monumento della regina Margherita di Durazzo. In una delle cappelle si benedivano le armi dei crociati in procinto di partire per la Terrasanta
Tempo libero a disposizione per godere la suggestiva atmosfera della città illuminata in questo periodo per l’evento Luci d’Artista
Rientro a Napoli, cena e pernottamento

3° GIORNO | MARTEDI’ 14 DICEMBRE

Prima colazione e una visita insolita e affascinante: la Mostra “Pagine di Seta” allestita nelle sale de IlCartastorie, Museo dell'Archivio Storico del Banco di Napoli nel cinquecentesco Palazzo Ricca.
Una immensa mole di documenti cartacei che narrano 500 anni di storia e di economia quotidiana. E dunque personaggi, storie dei ceti più poveri costretti ad impegnare quel poco che possedevano, curiosità: le somme pagate a Caravaggio per il suo dipinto “Sette opere di Misericordia” o quanto costava un kg di farina nel periodo della rivoluzione partenopea.
E tra le storie di questa storia sociale ed economica della città l’inserimento di 21 splendide opere d’arte: gli abiti-scultura del Maestro Roberto Capucci che con i colori e le sfumature delle sue composizioni fanno brillare tutto ciò con cui dialogano. Un omaggio all’arte di uno dei più grandi designer del XX secolo che tra, inchiostri e faldoni, permetterà di parlare di storia, di arte e di Napoli importantissimo centro per la produzione della seta
Di seguito visita del complesso di S. Maria Donnaregina
Parte di un complesso monastico ampliatosi nel tempo, la chiesa di fondazione gotica si trova alle spalle della barocca Santa Maria Donnaregina Nuova. La chiesa più antica nacque dall’iniziativa della regina Maria d’Ungheria, moglie di Carlo II d’Angiò, qui sepolta. Il coro delle monache e parte della chiesa sono rivestiti da affreschi tra i più belli del gotico partenopeo, realizzati nella prima metà del Trecento da artisti della cerchia romana di Pietro Cavallini. Il colore rossastro dei dipinti, dovuto ad un incendio del 1390, non ne compromette la leggibilità accentuandone curiosamente il fascino.
Pranzo libero
Nel pomeriggio tempo libero per visite individuali, Chi lo desideri potrà passeggiare a San Gregorio Armeno, una delle vie più suggestive di Napoli, soprattutto nel periodo delle festività natalizie
E’ il quartiere dei venditori di presepi, dove intensi sono i sapori e i profumi del Natale. Una atmosfera intrisa della religiosità“pagana” e sanguigna caratteristica del popolo napoletano.
Ritiro dei bagagli in albergo e transfer con pullman privato alla Stazione

Ore 18.40 Partenza con treno Frecciarossa n. 9596 per Roma in posto riservati di 2° classe

Ore 19.55 Arrivo alla Stazione Termini